Accoltella compagna al collo, voleva purificarsi

Home»Italia»Cronaca»Accoltella compagna al collo, voleva purificarsi

BOLOGNA, 20 Febbraio – Nella notte tra domenica 19 e lunedì 20 febbraio una donna ucraina di 45 anni è stata accoltellata dal suo compagno, un marocchino 30enne. La donna, di professione badante, è stata ricoverata in gravissime condizioni all’Ospedale Maggiore di Bologna, mentre l’uomo si è consegnato verso le 6 di mattina ai Carabinieri di Casalecchio. Per lui è scattata l’accusa di tentato omicidio.

I fatti si sono svolti intorno alle 3 di notte nell’appartamento dell’anziana signora, 92enne, di cui la vittima, Svitlana Sychevska, era badante. L’uomo, Mahfoud Bahi, si è recato dalla donna e i due hanno litigato violentemente. Al termine del litigio, l’uomo ha impugnato un coltello da cucina e l’ha accoltellata per ben 4 volte al collo. Successivamente è scappato. L’anziana donna non si è accorta di nulla e sono stati i vicini della signora a chiamare i carabinieri, dopo aver sentito le urla e notato alcune macchie di sangue davanti alla porta dell’abitazione in cui si erano svolti i fatti.

Dietro il gesto ci sarebbero motivi passionali: il marocchino stesso si è costituito telefonando il 112. Agli agenti l’uomo avrebbe raccontato di essere stato spinto al gesto con forte premeditazione nell’intento di volersi “purificare”. La relazione sessuale che l’uomo aveva con la vittima, infatti, secondo il marocchino lo faceva sentire “impuro”, e per questo motivo l’uomo voleva uccidere la donna tagliandole la testa. Ai militari ha parlato di un sacrificio, facendo un parallelo con quello che avrebbe dovuto fare il profeta Abramo con il figlio Isacco.

Dopo la lite, racconta l’uomo, la vittima è uscita di casa, lasciandolo da solo. In questa occasione lui avrebbe trovato un coltello da cucina e poi sarebbe riuscito a convincere telefonicamente la donna a rientrare. Una volta tornata la donna, il marocchino si sarebbe scagliato contro di lei colpendola al collo, per poi scappare e lasciarla agonizzante in terra con il coltello nella spalla. Operata nella notte, la donna si trova nel reparto di rianimazione dell’Ospedale Maggiore e le sue condizioni restano molto critiche.

Augusto D’Amante

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.