Proiettili per Fornero e Marcegaglia. Minacciati anche Camusso e Bonanni

Home»Italia»Cronaca»Proiettili per Fornero e Marcegaglia. Minacciati anche Camusso e Bonanni

CATANZARO, 1 Febbraio – Incombenti minacce da parte del Movimento Fronte Rivoluzionario. Segnali vaganti, come proiettili, indirizzati al Ministro del Lavoro e del Welfare Elsa Fornero, al presidente di Confindustria Emma Marcegaglia e ai segretari nazionali dei grandi sindacati italiani Cgil e Cisl, Susanna Camusso e Raffaele Bonanni.

A Lamezia Terme sono state intercettate quattro buste contenenti proiettili calibro 38 e volantini di minacce. Nel volantino di minacce si faceva chiaro riferimento ai temi riguardanti il lavoro e la riforma futura. Nel dicembre scorso si era verificato lo stesso avvenimento con destinatari differenti, quali Monti, Berlusconi e alcuni direttori di quotidiani nazionali. Questi atti ricattatori si sono esplicitati dopo gli ultimi “intensi” giorni dedicati ai temi legati alla riforma del lavoro, dettagliatamente, all’abrogazione dell’articolo 18 riguardante lo Statuto dei Lavoratori.

Il sostituto procuratore di Lamezia Terme Domenico Galletta avvia gli accertamenti sul materiale recuperato, cercando di risalire a impronte digitali o qualsiasi altro elemento utile che rimandasse ai mittenti. Inoltre si sta cercando di verificare l’attendibilità dei presenti atti intimidatori: si suppone che le sigle trovate sui volantini, non siano apparse nelle precedenti minacce.

Certo, pensare all’abrogazione dell’articolo 18 e quindi sostenere la libertà di licenziamento per chi viene o verrà assunto, oppure pensare che in questo modo i posti di lavoro non saranno in aumento, non induce a gesti cordiali, piuttosto minatori, ma questo si sa.

Valeria Racano

+Intimidazioni a Berlusconi e Monti: rintracciati pacchi bomba a Lamezia Terme

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.