Minacce per il cronista Giovanni Tizian

Home»Italia»Cronaca»Minacce per il cronista Giovanni Tizian

MODENA 11 Gennaio – Come è già accaduto nella cronaca recente per lo scrittore Roberto Saviano, gli occhi della criminalità organizzata si sono focalizzati su un altro giornalista/scrittore; il ventinovenne pubblicista Giovanni Tizian, collaboratore della Gazzetta di Modena e autore del libro “Gotica”, che descrive le attività illecite e le infiltrazioni mafiose al Nord, scatenando l’ira da parte della ‘ndrangheda.

Per le sue inchieste giornalistiche contro la mafia e le loro attività illecite, da circa due settimane Tizian vive sotto scorta 24 ore al giorno dopo aver ricevuto minacce dirette contro la sua sicurezza; ma la storia di Giovanni con la mafia non inizia con la sua attività da giornalista, infatti il padre, Giuseppe Tizian, fu ucciso a Locri (RC) dalla ‘ndrangheda nel1989, in seguito, trasferendosi dalla Calabria a Modena ha trovato la forza di iniziare la sua lotta fatta di inchieste e dossier, fino alla pubblicazione del suo libro.

I colleghi hanno espresso solidarietà verso il cronista, le istituzioni commenta Giorgio Pighi, primo cittadino di Modena, farà tutto il possibile per sostenerlo. Solidarietà arriva anche dalla regione Emilia Romagna. Anche dal mondo politico sono arrivati segnali di incoraggiamento dai parlamentari modenesi del PD Barbolioni, Bastico, Ghizzoni, Levi, Migliolie Santagata, dalla parlamentare Pdl Isabella Bertollini, dalla Federazione Nazionale della Stampa Italiana, all’Associazione Stampa Emilia Romagna ed il Sindacato dei giornalisti calabresi.

Stefano Roselli


Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.