Tragedia sulle alpi francesi, valanga uccide 6 persone

Home»Esteri»Tragedia sulle alpi francesi, valanga uccide 6 persone

CHAMONIX, 12 LUGLIO – Una valanga causata dal crollo di un seracco ha fatto strage sul Monte Bianco all’alba di oggi, sul versante francese. Ci sono 6 morti accertati, otto feriti ma sotto la neve ci sarebbero anche dispersi, secondo quanto comunicato poco fa dalla Prefettura dell’Alta Savoia. Non si conoscono ancora le generalità delle vittime, la zona in questo periodo è molto frequentata, con i rifugi pieni di alpinisti di ogni nazionalità. I feriti sono stati già raggiunti e trasportati a valle, dove sono stati ricoverati in vari ospedali della zona.

Le autorità transalpine hanno chiesto aiuto al Soccorso alpino valdostano, che ha inviato squadre di intervento con elicotteri e unità cinofile da valanga. Quattro guide alpine hanno già raggiunto la zona della strage e stanno operando con i colleghi francesi del Peloton de secours d’haute montagne della Gendarmeria. Ancora non è nota la nazionalità degli alpinisti morti. La Farnesina sta verificando la presenza di italiani. Stando a quanto riferisce l’emittente francese Europe 1 non ci dovrebbero essere italiani: il gruppo dovrebbe essere composto da francesi, svizzeri, spagnoli, tedeschi e serbi.

L’incidente è accaduto intorno alle 5,30 di oggi sul Mont Maudit a oltre quattromila metri di quota. “Le condizioni meteo in questo periodo nella zona sono normali, non sembrano esserci problemi legati alla grande ondata di caldo. E’ un punto pericoloso da sempre, gli incidenti sono frequenti” ha spiegato Alessandro Cortinovis, capo del Soccorso alpino valdostano. L’intera area del Monte Bianco inoltre è spazzata in questi giorni da vento fortissimo che ha creato pericolosi accumuli in alta quota.

L’incidente di oggi è già accaduto nel 2008 sul Mont Tacul, quando intorno alle 3,30 del mattino il crollo di un seracco uccise otto alpinisti coinvolgendo 40 scalatori.

Valentina Ferrari

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.