Attentato in Afghanistan: la tragica morte del carabiniere Manuele Braj

Home»Esteri»Attentato in Afghanistan: la tragica morte del carabiniere Manuele Braj

ROMA, 25 GIUGNOUn altro attentato che coinvolge i militari italiani quello che è accaduto ad Adraskan, 100 km a sud di Herat. Intorno alle 8,50 (le 6,20 in Italia) un esplosione in un campo d’addestramento della polizia afghana ha ucciso un carabiniere e ferito altri due. Nella deflagrazione è stato coinvolto un altro militare, fortunatamente illeso. I quattro appartengono al Pstt (Police Speciality Training Team), uno speciale nucleo addestrativo della polizia afghana.

Ancora poco chiare le dinamiche dell’accaduto. I militari erano su una garitta di osservazione installata vicino alla linea di tiro del poligono, quando probabilmente sono stati colpiti da un razzo Rpg proveniente dall’esterno. L’ipotesi è confermata dai “diversi pezzi e frammenti” di un razzo da 107 millimetri che sono stati trovati dagli artificieri. A perdere la vita è stato Manuele Braj, 30 anni originario di Galatina. Il carabiniere faceva parte del 13esimo reggimento Friuli-Venezia Giulia. Sposato, aveva un figlio di appena 8 mesi. I due feriti sono stati colpiti alle gambe. Le lesioni sarebbero gravi, ma entrambi non sono in pericolo di vita.

Sono il maresciallo capo Dario Cristinelli, 37 anni, di Lovere (Bergamo), della seconda Brigata mobile di Livorno, e il carabiniere scelto Emilano Asta, 29, di Alcamo (Trapani), in forza al 7/o Reggimento Trentino Alto Adige. I due sono ora ricoverati all’ospedale da campo americano di Shindand. Per il ministro della Difesa, Giampaolo Di Paola, “Manuele è stato colpito in modo vigliacco. Stava addestrando le truppe afgane contro il terrorismo. Questo era il suo lavoro, la sua missione: permettere a quel Paese di difendersi da solo. Ed il terrorismo lo ha ucciso, proprio per impedire la nascita di un Afghanistan libero e democratico”.

Informato dell’accaduto, Giorgio Napolitano “esprime i suoi sentimenti di solidale partecipazione al dolore dei famigliari del caduto, rendendosi interprete del profondo cordoglio del Paese”. Al cordoglio si unisce anche Mario Monti: “Il mio pensiero va alla famiglia di Braj e all’Arma dei carabinieri, impegnata nell’importante missione di addestramento delle forze di polizia afghane. Voglio augurare una pronta guarigione ai due carabinieri rimasti feriti nell’attentato”.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.