Credeva di avere due mesi di vita e spende tutti i suoi soldi, diagnosi errata

Home»Esteri»Credeva di avere due mesi di vita e spende tutti i suoi soldi, diagnosi errata

AUCKLAND, 22 GiugnoIl consulto medico era stato davvero infausto per Frank: “cancro”, per la seconda volta. Era il maggio del 2010 e per l’uomo della Nuova Zelanda quel responso è stato un cortocircuito: il 69enne non se la sentiva di combattere un’altra volta contro la malattia. Già nel primo caso gli fu asportato una parte del polmone a causa di una proliferazione delle cellule tumorali nel cuore. La chemioterapia gli causò terribili dolori al petto e da quel giorno riusciva a stento a respirare.

Frank e sua moglie decidono quindi di godersi la vita, almeno un’ultima volta. L’immagine a ultrasuoni dopo una visita di controllo e i risultati di laboratorio davano un quadro molto chiaro: la terribile malattia era tornata. I medici avevano fatto credere all’allora 67enne di “non avere più nulla da perdere”. Solo due mesi di vita, sessanta giorni che Frank vuole vivere in pieno. Quindi Frank si sbarazza di tutta la merce del piccolo negozio di ferramenta a Auckland (per un valore di 19 mila euro); vende la casa a Wairoa (rimettendoci 44 mila euro) e disdice l’assicurazione sanitaria.

Vuole scappare al più presto alle Figi con la moglie Wilma, 65 anni, per godersi le spiagge, i tramonti. Ricomincia a fumare, a bere caffè. La sua testa, infatti, inizia a prendere qualche (ragionevole) sbandamento. La coppia comincia a spendere i risparmi di una vita (30.000 euro) in hotel di lusso a cinque stelle, escursioni e battute di pesca. Prima di ritornare a Wairoa, la coppia vola dalla figlia in Australia per dirle addio, per abbracciare un’ultima volta i due nipotini. Poi per Frank inizia l’attesa, aspetta che la malattia degeneri, di morire da un momento all’altro.

Ma Frank si aspettava che sarebbero arrivati i dolori da un momento all’altro e invece non sono mai giunti. Tutti si stupivano nel vedere l’uomo in condizioni di salute buone ed in piena forma. I dolori tanto previsti dai dottori non sono mai arrivati. Ci sono voluti 23 mesi prima che un infermiere dell’assistenza a domicilio per i pazienti terminali arrivasse da Frank con delle novità da parte del medico. “Oggi lei mi vede per l’ultima volta”, dice l’infermiere all’uomo. “Per quale motivo?” chiede Frank.

La risposta: “Ebbene, lei non ha il cancro, non lo sapeva?”. A quel punto inizia a farsi strada l’ipotesi di una diagnosi errata e non corrispondente al vero. E in effetti l’analisi di una seconda immagine agli ultrasuoni rivela che Frank è sano come un pesce. L’ospedale, il Hawke’s Bay Hospital, ha ammesso nel frattempo l’errore, difende però i medici e la loro affermazione di allora, “l’unica possibile” sulla base delle informazioni disponibili in quel momento.

Certo, Frank e Wilma sono felicissimi: la malattia non c’è. La coppia ha tuttavia perso completamente la fiducia nella medicina e nel sistema sanitario del Paese. Ora hanno presentato una denuncia e il caso verrà approfondito dalla Commissione Salute della Nuova Zelanda. Ma ora la coppia si trova in un mare di debiti (80.000 dollari, oltre 50.000 euro) che non sanno come trovare. Sani sì, ma sul lastrico. Ciononostante, i due non si pentono di quella vacanza nel lusso: “Cosa avreste fatto voi in una situazione simile?” chiede la moglie. “Per me era ovvio: tutto ciò che mio marito chiedeva, lo otteneva”.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.