Attivista Femen picchiata selvaggiamente da uno sconosciuto

Home»Esteri»Attivista Femen picchiata selvaggiamente da uno sconosciuto

KIEV, 4 MaggioUn’attivista della ‘Femen’, Diana Senich, è stata picchiata durante una manifestazione contro il turismo sessuale a Kiev, davanti all’ingresso della stazione della metropolitana di ‘Khreshatik’, nel pieno centro della capitale ucraina. La giovane sarebbe poi stata ricoverata per una commozione cerebrale, come si legge in una nota di ‘Femen’. Sembra che il presunto aggressore sia stato poi consegnato alla polizia.

La manifestazione di oggi è stata di sicuro fuori dal comune. A seno nudo, infatti, questa volta non c’erano delle belle ragazze, ma una donna in sovrappeso che indossava occhiali rossi con le lenti a forma di cuore e una parrucca di un biondo smaccatamente innaturale. Sul suo corpo la scritta ‘Sex bomb’. La corpulenta signorina si è sdraiata sul marciapiede davanti all’ingresso della metropolitana, mentre le altre attiviste, in tuta, hanno piazzato dei segnali di pericolo con un disegno a metà tra una bomba e un seno e hanno iniziato a gridare “Pericolo! Qui c’è una bomba sexy!”, bloccando il passaggio.

Le ‘Femen’ hanno così voluto protestare ancora una volta contro il turismo sessuale che colpisce l’ex repubblica sovietica, che potrebbe anche aumentare in previsione del campionato europeo di calcio che si svolgerà in Ucraina e Polonia tra un mese.  Ma ‘bomb’ è probabilmente riferito anche alle esplosioni che la settimana scorsa hanno gettato nel caos Dnipropetrovsk, ferendo circa 30 persone, tra cui una decina di bambini e ragazzini.

Sabrina Bachini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.