USA: arrestato e dimenticato in cella per 5 giorni beve la sua urina

Home»Esteri»USA: arrestato e dimenticato in cella per 5 giorni beve la sua urina

SAN DIEGO, 4 Maggio – E’ accaduto ad uno studente dell’università di San Diego, in California, di nome Daniel Chong. Tutto era iniziato quando è stato fermato durante un raid antidroga – nel corso del quale sono state sequestrate armi e varie sostanze stupefacenti, tra cui 18000 pasticche di ecstasy – insieme ad altri otto ragazzi, e poi trattenuto in una cella del centro antidroga americano DEA (Drug Enforcement Administration) di Kearny Mesa per ben 5 giorni. Il problema è che questa reclusione l’ha passata senza bere, né mangiare, né poter andare in bagno.

Quando è stata chiesta una valida spiegazione dell’accaduto agli agenti che avevano il compito di sorvegliarlo, la risposta è stata: “Lo abbiamo dimenticato”.Il portavoce della DEA, Amy Roderick, ha così commentato l’accaduto: “Ogni sospetto è stato interrogato separatamente e di frequente spostato tra la cella e la sala interrogatori. L’individuo in questione è stato accidentalmente lasciato in cella”.Il ragazzo 24enne dichiara di aver dovuto ricorrere ad un riprovevole espediente pur di sopravvivere, cioè bere la sua stessa urina. Ha già indetto una conferenza stampa, dove ha raccontato dettagliatamente il calvario che ha passato. Tra i momenti più difficili racconta quello che lo ha visto spaccarsi a morsi gli occhiali per incidersi su un braccio con un pezzo di vetro la scritta “Scusa Mamma”.

Ora il suo avvocato ha intenzione di procedere con una causa federale contro la DEA, dal momento che il ragazzo ha riportato gravi danni all’uscita dalla cella, come un polmone perforato da una scheggia di vetro e una grave disidratazione corporea, in seguito alla perdita di 15 kili di peso. Inoltre pare che in preda alla disperazione abbia ingerito una polvere bianca trovata nella sua stanza di reclusione, che dopo vari accertamenti chimici è risultata essere metanfetamina, dimenticata dagli agenti in una precedente operazione. Il presunto colpevole è stato comunque rilasciato, poiché le accuse a suo carico sembrano essere decadute.

Norma Pasi

Fonte Immagne: NY Daily News

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.