Bambini soldato: Thomas Lubanga condannato per aver arruolato bambini

Home»Esteri»Bambini soldato: Thomas Lubanga condannato per aver arruolato bambini

ROMA, 15 Marzo – Finalmente l’arruolamento dei bambini viene giudicato un crimine di guerra da un organismo internazionale. Il primo a pagarne le conseguenze è Thomas Lubanga, leader di una milizia armata della Repubblica Democratica del Congo, colpevole di crimini di guerra per aver arruolato bambini soldato. La corte internazionale dell’Aja ha emesso la sentenza. Il giudice britannico Adrian Fulford ha comunicato :“Siamo giunti all’unanimità alla conclusione che l’accusa ha dimostrato oltre ogni ragionevole dubbio che Thomas Lubanga è colpevole dei crimini di coscrizione e arruolamento di bambini di meno di quindici anni e li ha fatti partecipare a un conflitto armato”.

Lubanga, era il leader dell’Unione dei Patrioti Congolesi, esercito accusato di aver arruolato i minori durante i cinque lunghi anni di guerra  che hanno causato spargimenti di sangue nella Repubblica Democratica del Congo: oltre 60.000 persone hanno perso la vita. Lubanga in tutto ciò, si era persino dichiarato innocente da tutti i capi di accusa: i suoi legali avevano imputato l’accusa di aver presentato prove false nei suoi riguardi. Dopo la diffusione del video “Invisible children” che ha come protagonista Joseph Kony, capo dell’Esercito di resistenza del Signore, è giunto il verdetto ultimo per Thomas Lubanga.

Ha assististo oggi all’Aja anche Angelina Jolie, presente alla lettura del primo verdetto della corte penale internazionale: “È un momento importante per la Corte, per la Repubblica democratica del Congo e per il diritto. Forse, il verdetto di colpevolezza di oggi porterà qualche sollievo per le vittime delle azioni di Lubanga”. Sono diverse volte che l’attrice visita la Cpi e quest’ultima è stata la terza volta che la Jolie assisteva ad un processo contro Lubanga. L’attrice in oltre ha fondato “The Lubanga Chronicles”, in modo tale da portare le notizie sul lavoro del tribunale alla comunità internazionale e a quella Democratica della Repubblica del Congo.

Valeria Racano

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.