Il Giappone ricorda la tragedia di Fukushima ad un anno di distanza

Home»Esteri»Il Giappone ricorda la tragedia di Fukushima ad un anno di distanza

FUKUSHIMA, 11 Marzo – Esattamente un anno fa il Giappone veniva colpito forse dalla più grande tragedia di sempre. Era l’11 marzo 2011 quando un violento terremoto di magnitudo 9 colpì il Paese provocando morte e distruzione. Il sisma provocò un devastante tsunami che si abbatté sulla costa nord occidentale. Onde alte circa venti metri inghiottirono casa e vite umane. Lo tsunami si abbatté sulla centrale nucleare di Daiichi a Fukushima, provocando il più grave disastro nucleare dopo Cernobyl.

Si contarono oltre 15 mila morti e ad un anno di distanza sono più di 3 mila ancora i dispersi. Questa mattina presso il Teatro Nazionale di Tokio si è svolta la cerimonia in commemorazione delle vittime. L’imperatore Akihito era presente con la moglie Michiko e ha voluto ringraziare a nome del Paese la comunità internazionale per la solidarietà ricevuta dopo la catastrofe. Ha poi aggiunto: “Manterremo viva la memoria per le generazioni future, per rafforzare la prevenzione”.

L’obiettivo del governo giapponese è quello di ricostruire le aree devastate dallo tsunami e di recuperare Fukushima facendone un posto più bello. A Fukushima intanto sono in corso i lavori di decontaminazione che dureranno fino al 2014. Circa 80 mila giapponesi che vivevano nei dintorni della centrale hanno dovuto abbandonare le proprie case e temono l’insorgere di tumori soprattutto nei bambini. La centrale è stata messa in sicurezza solo lo scorso dicembre ma ci vorranno decenni prima che venga smantellata. Questa tragedia ha suscitato un cambio di rotta del governo sul tema dell’energia nucleare. Dopo la tragedia è stata fermata la costruzione di altre 14 centrali e il governo sta riducendo l’uso dell’energia nucleare che prima soddisfaceva il 30% della richiesta.

Mariella Laurenza  

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.