USA: le amputano mani e piedi per sbaglio, chiede un risarcimento da Guinness

Home»Esteri»USA: le amputano mani e piedi per sbaglio, chiede un risarcimento da Guinness

ROMA, 7 Marzo – Una storia che fa rabbrividire quella di Tabitha Mullings, se si pensa a cosa è andata incontro a causa della malasanità negli Stati Uniti. La donna nel 2008 aveva chiamato il 911 accusando forti dolori, ma era stata del tutto ignorata dal pronto intervento. In seguito caduta in coma, un’infezione piuttosto violenta le aveva attaccato mani e piedi e i medici appurando la gravità della situazione, si videro costretti ad amputarle gli arti.

Al suo risveglio la terribile scoperta, quella di non avere più mani e piedi oltre ad aver perso la vista ad un occhio. “Fu l’inizio di un incubo per me, da tre anni sono costretta ad essere aiutata da qualcuno per fare ogni cosa. Non posso andare in bagno, non riesco a lavarmi i denti. Non posso fare nulla da sola. La notte sogno di alzarmi, fare una passeggiata o addirittura correre, per poi svegliarmi e capire che nulla sarà più come prima.” Questa la dichiarazione della Mullings al New York Daily in merito al suo caso.

Il costo per aver rovinato la vita della paziente? Il risarcimento ammonta alla bellezza di 17,9 milioni di dollari, il più ingente ad essere elargito per un caso di malasanità. Una cifra senz’altro da capogiro ma ritenuta dall’avvocato della donna “equa, sensata e ragionevole”. Le parti sembrano comunque essersi messe d’accordo dato che 9,4 milioni di dollari dovranno essere versati dal Brooklyn Hospital Center assieme ai medici artefici della diagnosi errata, la parte restante sarà invece retribuita dalla città di New York.  Un accordo firmato con poca convinzione, come affermano i dirigenti del nosocomio, per evitare che una giuria mossa da troppa compassione potesse aumentare ancora di più la cifra richiesta per i danni.

Sabrina Spagnoli

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.