Iraq, nuovo attentato a Bassora. Kamikaze uccide 53 pellegrini sciiti

Home»Esteri»Iraq, nuovo attentato a Bassora. Kamikaze uccide 53 pellegrini sciiti

Roma, 14 gennaio – Nuovo drammatico episodio di violenza in Iraq. A Bassora un kamikaze, travestito da poliziotto e con un tesserino falso, si è fatto esplodere uccidendo 53 pellegrini sciiti e ferendone 137, a detta del dei servizi sanitari della provincia Riyad Abdelamir. L’attentatore ha colpito alla fine della celebrazione dell’Arbain, giornata sacra dedicata all’imam Hussein, nipote di Maometto e figura di riferimento, appunto, della religione sciita.

Gli attacchi contro i pellegrini sciiti tornati all’ordine del giorno provenienti non solo in Iraq, ma anche in altri Paesi: nella città di – proprio a Kerbala, a sud di Baghdad, un attentato il 5 gennaio ha ucciso più di 47 persone -. L’episodio fa quindi tremare le istituzioni, preoccupate per  un ritorno alla violenza di massa nel Paese, politicamente già in crisi, la cui tribù costituisce la maggioranza al governo.

“L’attenatore indossava una cintura esplosiva che ha fatto detonare quando si trovava tra la folla che stava entrando nella moschea”, questo riporta il sito iracheno Alsumaria News. Tra le vittime undici poliziotti più numerose donne e bambini che stavano partecipando al pellegrinaggio verso la città santa di Karbala. Attualmente, ad allarmare ancora di più le cariche dello Stato c’è il continuo afflusso di persone verso i luoghi in cui l’evento viene celebrato.

Lungo il perimetro dell’ospedale di Bassora, che ha accolto i feriti, le forze dell’ordine hanno adottato speciali misure di sicurezza per prevenire simili avvenimenti.

Luca Siliquini

Share Button

Leave a Reply

Your email address will not be published.